Il binomio, ipotetico, pasta-micotossine (e glifosate e cadmio) è rimbalzato e rotolato su social e web. Uno studio recente sostiene che la contaminazione da micotossine potrebbe riguardare fino all’80% delle derrate alimentari nel mondo

Lo studio è stato pubblicato su Toxins   e manda in soffitta quel 25% di contaminazione stimato ormai 15 anni fa dalla Fao. Parliamo di derrate alimentari come frumento e mais, leguminose, spezie, frutta secca ecc.

Le micotossine non viaggiano mai sole

La seconda cattiva notizia è che le micotossine viaggiano spesso in cattiva compagnia ovvero con altre micotossine, ancora più insidiose perchè difficili da rilevare con i normali test di laboratorio. Si tratta di micotossine mascherate oppure di micotossine emergenti.

maisCosa ha rilevato lo studio condotto dal 2012 al 2015   su 1926 campioni (prodotti finiti, mais, silomais) provenienti da 56 paesi? Che il 50% conteneva:

–   tre o più micotossine note e per le quali sono già fissate delle soglie di sicurezza

– 3 o 4 micotossine nuove o emergenti ovvero micotossine ancora poco studiate e non ancora normate.

micotossine mascherate (essendo legate a zuccheri o proteine) . Cosa sono?

  1. metaboliti delle stesse micotossine modificate  dalle piante in risposta all’attacco del patogeno (ma potrebbero formarsi anche durante il processo di trasformazione industriale)
  2. Sono mascherate perché legate a carboidrati o proteine
  3. non sono quindi estraibili e rilevabili dalle analisi di routine per le micotossine
  4. Il problema è cosa accade nell’apparato digerente degli animali dove verrebbero separate dagli zuccheri e attivate
  5. Possono essere più frequenti delle micotossine in forma libera

Effetto cocktail anche per le micotossine

Ultima e terza cattiva notizia: c’è molto da sapere e studiare circa le interazioni fra le diverse micotossine presenti contemporaneamente negli alimenti. È certo che anche a dosi minime possono essere tossiche. È il cosiddetto effetto cocktail: qual è il loro impatto cumulativo? Come si rilevano contemporaneamente? Questi sono solo alcuni dei problemi sul tappeto

Micotossine entro i limiti di legge?  è poco

Morale, affermare che una micotossina è entro i limiti fissati per legge non è più così rassicurante:  l’effetto sinergico tra più micotossine, anche a basse concentrazioni, può avere un impatto negativo sugli animali (uomo incluso).  Per chi ne ha voglia, questa  review http://bit.ly/2mBX7Zq  analizza vari tipi di interazioni soprattutto fra aflatossine e altre micotossine (in particolare fumonisine, ocratossina A e tricoteceni).

Relazioni complesse perché ricche di “dipende da”: dalla specie animale, dalla dose di micotossina, dal tempo di esposizione, da altri parametri…E mangiare diventa sempre più una scommessa o un rischio

Post a comment