Nello Biscotti, docente, dottore di ricerca in Geobotanica, botanico, ricercatore, impegnato nello studio dei paesaggi vegetali. Componente gruppo di ricerca Università di Ancona (Flora, vegetazione e paesaggio del Gargano), Università di Foggia (studio della biodiversità agraria). Ha collaborato al Catalogo dei paesaggi agrari storici d’Italia (Università di Firenze, alla stesura della Nuova Flora d’Italia di Sandro Pignatti, e alla nuova edizione di Flora (E. Biondi, C. Blasi) in corso di stampa. Altri libri pubblicati: Ambiente ed educazione ambientale. La didattica ambientale. Idee ed esperienze dalla scuola. Schena editore, Brindisi, 1996; Padre M. Manicone. un dimenticato naturalista del ‘700. Gerni editore, 1997; Gargano terra di viaggi e peregrinazioni scientifico-naturalistiche. Ed. Quaderni del Parco, 2000. Botanica del Gargano, vol. I, II, Gerni Editore, 2001. E’ inoltre coautore di diverse pubblicazioni scientifiche (Il verde del Gargano. Appunti di una ricerca. Quad. n. 1 della Comunità Montana, 1990; Il Parco Nazionale del Gargano. Uomini, caprioli e faggi. Gerni editore, 1992; Paesaggio nel Gargano, Schena editore, 1993; I frutti dimenticati e biodiversità recuperata, Ispra, Roma 2010; L’ecomuseo naturalistico-archeologico Monte Pucci. Uno spaccato storico e preistorico del Gargano, 2016, Soprintendenza ai beni archeologici di Puglia). Ha all’attivo un’intensa attività di pubblicista e divulgatore scientifico su tematiche naturalistiche e pubblicazioni botaniche e fitosociologiche su riviste scientifiche

Frutti antichi, identità del paesaggio agrario italiano

Tra le tante questioni del nostro passato prossimo vi sono anche i frutti antichi, probabilmente questione per pochi, in altri termini tutto il germoplasma frutticolo delle agricolture tradizionali, gran parte decimato dall’esodo agricolo (campagne e paesi spopolati) che ha interessato particolarmente il meridione d’Italia per oltre un ventennio (1955-1978). I frutti antichi sono argomento di

[ Read More ]

FITOALIMURGIA Mangiare pane, olio e verdure selvatiche

Le erbe selvatiche riscontrano crescenti interessi di diversa natura: ricerca del genuino, recupero di saperi tradizionali, ricerca scientifica. Può dirsi superato quel retaggio culturale che associa le erbe selvatiche a tempi brutti? O bisogna aspettare sempre i momenti critici perché possa riaffiorare l’esigenza di recuperare almeno qualcosa di quelle conoscenze dimenticate? Sarajevo, come sopravvivere con

[ Read More ]

FITOALIMURGIA Erbe selvatiche del Gargano, i mercati e le ricette

Il Gargano, oggi Parco Nazionale, e l’attigua pianura foggiana si sono rivelati “mangiatori di erbe”. Conservano una forte tradizione che ha alla base ragioni storico-sociali, segnate dalla presenza secolare del latifondo: fino al 70% della ricchezza terra in mano al 3% della popolazione e poi una folla di “contadini senza terra”, pastori itineranti, braccianti che lavorano

[ Read More ]

FITOALIMURGIA Siamo ciò che hanno mangiato i nostri antenati

L’uso alimentare delle verdure o erbe spontanee è una pratica diffusa in tutta l’Italia e non solo. In ogni contesto, regionale, provinciale e spesso anche nell’ambito stesso di piccoli paesi, si ritrovano specificità che sono ancora tutte da conoscere. Nonostante l’enorme letteratura scientifica sulla dieta mediterranea, rimane ancora inesplorata, in Italia meridionale, una vasta parte della

[ Read More ]