Proteine di origine vegetale al posto della carne rossa. Amate dai millennials. Ecco le più utilizzate

Proteine vegetali per sostituire la carne rossa senza rinunciare al valore nutritivo delle proteine. Scienziati del cibo e industrie alimentari ci lavorano da tempo. Il cibo è un laboratorio di innovazione

Ecco le piante più utilizzate come alternativa proteica alla carne.

Dalla soia le migliori proteine vegetalisoia

Le proteine della soia sono un sottoprodotto della spremitura dei semi di soia da cui si ottiene l’olio di soia.

  • Canada e Cina sono tra i principali fornitori nel mondo
  • essendo un sottoprodotto è poco costoso nonché sostenibile
  • si trovano quasi ovunque negli alimenti: circa un quarto dei consumi globali di proteine  proviene dalla soia.
  • La soia ha un elevato contenuto di proteine, fino al 40% sul peso secco dei semi.
  • elevata anche la qualità proteica con un profilo completo di aminoacidi essenziali a differenza di altre proteine vegetali.
  • Ma le proteine della carne hanno una concentrazione di amminoacidi essenziali un po’ più elevata
  • sono facilmente digeribili dalla maggior parte delle persone
  • il sapore è  facilmente adattabile per completare o imitare altri prodotti alimentari.

Ma la soia non è perfetta

Oggi  è sempre più difficile a trovare soia non ogm.

Molti ricercatori affermano che gli ogm non sono pericolosi per la salute, ma diversi consumatori preferiscono  alimenti ogm-free.  E per loro, la soia non è spesso un’opzione valida.

Pisello proteico, la migliore alternativa alla soiapisello proteico piante

  • il pisello non è ogm
  • Non costa molto di più delle proteina di soia, ma non ha il  grande mercato dell’olio di soia.
  • La proteina di pisello può essere trasformata in molti dei modi  e si trova già in diversi prodotti, ad esempio i  Beyond Burgers di Beyond Meat a base di proteine vegetali.
  • Il sapore della proteina è piuttosto insignificante e quindi adatto per  tutti i gusti.

Qualche difetto:

  • Il profilo degli aminoacidi essenziali non è così completo come nel caso della soia.
  • può creare problemi di digeribilità

Alghe, prime per sostenibilitàalghe

  • Una delle fonti proteiche alternative più interessanti.
  • Quasi imbattibili in fatto di sostenibilità: crescono in acqua,  sono presenti in natura, bastano pochi fertilizzanti per realizzare buone rese,  non richiedono molto spazio né  fattori ambientali  specifici.
  • Gli scienziati hanno  isolato di recente le proteine delle alghe

Qualche difetto:

  • le alghe hanno un sapore più forte di altre proteine vegetali. Sono apprezzate dai consumatori asiatici, ma ci vorrà più  tempo per abituare altre culture.
  • Le proteine delle alghe sono  meno  nutrienti rispetto alle proteine di soia e piselli. Quindi vanno miscelate con altri ingredienti per fornire lo stesso contenuto proteico.
  • Alcuni consumatori hanno anche segnalato problemi di digeribilità.

Canapa, l’ombra della cugina marijuanacanapa semi

  • La canapa è un altro ingrediente emergente.
  • Tuttora ostacolata a causa  della  cugina illegale, la marijuana.
  • non è nutriente come  altre  proteine vegetali alternative. 0,5 contro 1 della soia
  • Vantaggi:  è quasi pura. Non si aggiunge molto alla proteina di canapa  e il suo sapore è analogo alle proteine di soia e piselli: abbastanza blando e quindi facile da miscelare con altri ingredienti.

Colza, fa bene a pelle e capellicolza

  • Come la proteina di soia, la proteina di colza è un sottoprodotto dall’estrazione di olio di colza utilizzata anche per l’alimentazione animale.
  • l’utilizzo come proteina vegetale è recente (l’olio vegetale di soia risale  invece al 1920).
  • il futuro è promettente: può essere facilmente estruso come la proteina di soia e pisello e vanta sostanze nutritive che possono aiutare lo sviluppo di pelle e capelli.

Cereali: avena, orzo, grano

Anche i cereali sono una fonte di proteine, da secoli.

Circa il 10% delle proteine consumate nel mondo viene dai cereali.

 

Post a comment