Mais, grano e riso minacciati dal riscaldamento globale. Sicurezza alimentare a rischio

Il global warming (riscaldamento globale) riduce e ridurrà le rese delle principali colture del mondo, riso, grano e mais. Risparmierà, forse, la soia.

Lo afferma un’analisi di 70 studi condotta dall’università della Florida e pubblicata su Pnas (Proceedings of the national academy of science).

Dato preoccupante in quanto le quattro colture prese in esame sono responsabili di due terzi dell’apporto calorico nel mondo.

Un grado in più, 7% in meno per le rese di mais

Il calo produttivo sarebbe più che proporzionale all’aumento della temperatura globale. Infatti per 1°C di aumento della temperatura media mondiale la resa media mondiale diminuisce:

  • sul mais del 7,4%
    grano spighe

    grano

    mais pannocchie

    mais

  • per il grano del 6%,
  • sul riso del 3,2%
    soia coltura

    soia

    riso spighe

    riso

  • sulla soia gli effetti del clima variano molto: in certi aree la produzione aumenta con l’incremento della temperatura.

La ricerca sul global warming ha utilizzato:

  • studi basati sui dati reali di temperature e rese degli ultimi anni
  • simulazioni matematiche sui trend di temperatura
  • esperimenti in campo condotti alterando artificialmente il clima.

 

Teoricamente colture diffuse in tutto il mondo, come grano e mais, dovrebbero risentire meno dei cambiamenti climatici rispetto ad altre, come il riso che è concentrato quasi interamente in un continente, l’Asia.

Purtroppo diverse aree del pianeta sono colpite dalla siccità allo stesso tempo. Ad esempio una siccità in Usa e Cina, scenario totalmente plausibile, può decimare le forniture mondiali di grano. È il caso della siccità che ha colpito il nord della Cina nei primi mesi del 2017, la peggiore di tutti i tempi secondo gli enti ufficiali.

Conclusioni: occorre mettere a punto strategie di adattamento per coltura e per area geografica per garantire la food security. Ovvero cibo sufficiente per tutti in uno scenario di incremento mondiale della popolazione.

 

Post a comment