A casa, quando si fa la spesa o leggendo l’etichetta: ecco quando possiamo ridurre gli sprechi di cibo attraverso un consumo più consapevole

#IONONSPRECO è il vademecum lanciato dal ministero delle Politiche agricole. Spiega come combattere e limitare gli sprechi alimentari con alcuni semplici comportamenti.

Secondo le più recenti indagini e come riferito dallo stesso ministero:

  • il 50% degli sprechi avviene ancora in casa,
  • ogni anno infatti in Italia finiscono nella spazzatura 12 miliardi di alimenti.

Tre aree  vengono individuate per lanciare lo slogan “Io non spreco” e cioè:

  • quando si fa la spesa
  • quando si sta a casa
  • quando si leggono le confezioni dei prodotti.

Le indicazioni fornite sono veramente elementari e ovvie. Sembra strano che vengan comunicate attraverso un depliant ministeriale

Eppure è così. Ci viene ricordato che:

  • molti di noi acquistano prodotti preconfezionati in quantità eccessiva rispetto ai bisogni per cui sono si è poi costretti a buttarli.
  • a casa non guardiamo la temperatura del frigo per cui alcuni prodotti vanno a male e dimentichiamo le confezioni aperte per molti giorni.
  • l’abitudine di portare a casa gli avanzi del pasto al ristorante non viene seguita
  • le date di scadenza dei prodotti riportate sulle etichette non vengano lette con attenzione per cui portiamo a casa prodotti troppo prossimi alla scadenza che se non consumati vengono poi buttati

Website Comments

Post a comment